Aiutiamo gli anziani per una buona alimentazione

Molti anziani, soprattutto se ricoverati in ospedale, hanno la cattiva abitudine di saltare i pasti.

In Inghilterra lo scorso anno sono stati dimessi dagli ospedali circa 140mila pazienti in stato di malnutrizione. Una recente ricerca italiana ha constato che, durante un ricovero, sei persone su dieci digiunano. La causa fondamentale sta nel fatto che in ospedale i menu sono insipidi e ripetitivi. Inoltre anche l’umore negativo tende a chiudere lo stomaco dei pazienti.

Ma una dieta equilibrata è fondamentale per guarire. Altrimenti si rischia di perdere muscoli e forze, rendendo molto più lunga la convalescenza.

Se il soggetto anziano in questione è poi molto magro e fragile, possono comparire le piaghe da decubito. Quindi bisogna insistere affinché gli anziani prendano la forchetta. Spesso non mangiano per il fatto che si sentono trascurati e abbandonati. Il che significa che dobbiamo dedicargli tempo, attenzione e pazienza. Attraverso turni i parenti devono essere sempre presenti durante i pasti, per invogliare il malato a mangiare.

L’anziano non va rimproverato, altrimenti lo si scoraggia. Un trucco per stuzzicare l’appetito è quello di dividere la portata in piccole porzioni disponendole poco alla volta su un piatto grande, già tagliuzzate. In questo modo il cibo sembra poco, non spaventa e dà l’idea che sia meno difficile da mandare giù.

Ogni tanto si può poi viziare la persona cara con qualche piatto portato da casa chiedendo prima al medico cosa può o non può mangiare.

I cibi migliori sono quelli proteici e facilmente digeribili. Salumi magri come la bresaola, frittate, legumi sono l’ideale. Visto che con l’età il senso del gusto si attenua, è meglio condire gli alimenti con prezzemolo, timo, rosmarino, o altre erbe profumate che stimolano l’appetito. Se l’anziano preferisce cibi liquidi, il brodo di pollo è un ottimo ricostituente naturale. E’ un concentrato di proteine che stimola l’appetito. Vanno bene anche dolci morbidi e profumati da consumare come spuntino come la torta di mele, il budino o una crema.

1 Trackback / Pingback

  1. Cervello più forte, grazie ai suoi dolci ascoltati durante il sonno

I commenti sono bloccati.