Rischi e benefici della marijuana secondo gli esperti

benefici della marijuana

E’ da oltre dieci anni che si studiano gli effetti della marijuana, che è una sostanza che viene usata per divertirsi ma anche come terapia.

In numerosi stati  la conoscenza e diffusione della marijuana è cresciuta così come la sua legalizzazione, ma la scienza si rivela ancora scettica per quanto riguarda i benefici che tale sostanza può apportare alla salute e valuta invece i rischi che sono profondamente legati all’ uso della cannabis.

Da parte del Ministero della Salute una commissione di esperti sta facendo delle analisi per conto della Nazionale Accademia di Scienze e Medicina ed esaminando oltre 10 mila articoli scientifici a partire dal 1999 per capire come mai  questa droga è così diffusa specialmente negli Stati Uniti dove oltre 22,2 milioni di cittadini ne fanno uso.

Di questa droga a livello di sballo la usano circa il 90% di consumatori mentre ad uso terapeutico solo il 10%. Durante gli anni l’opinione sul consumo di cannabis è notevolmente cambiato a seconda di quanti più stati hanno cominciato a legalizzarla per i suoi duplici usi.

Una ricercatrice dell’ Università di Harvard denunciava una sorta di preoccupazione per la salute pubblica in base alla sempre più crescente approvazione e accessibilità dell’uso della cannabis dovuta anche ad una mancanza di conoscenza da parte degli utenti dei rischi o dei benefici del suo utilizzo.

Quali gli Effetti Terapeutici della Marijuana?

Inizialmente la cannabis è usata come antidolorifico, infatti i pazienti trattati con cannabinoidi hanno una notevole riduzione del dolore. E’ usata anche contro gli spasmi causati dalla sclerosi multipla e contro nausea e vomito nelle terapie chemioterapiche antitumorali.

Ma al di fuori di quelle che possono essere gli effetti terapeutici gli studi portano a rivelare che l’uso di questa droga ha seri rischi sul sistema respiratorio causando infarto e disturbi cardiovascolari,ed il suo uso prima  di mettersi alla guida aumenta il rischio di incidenti automobilistici.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*