Effetti del bullismo sul rendimento scolastico dei ragazzi

bullismo

Chi subisce atti di persecuzione  e quindi di bullismo da parte dei propri compagni manifesta un malessere generale, a cominciare dallo scarso rendimento a scuola e soprattutto alla sfiducia nelle proprie capacità cognitive.

Quindi quando si parla di bullismo si parla di ripercussioni che non riguardano solo la sfera psicologica ma si irradiano alle competenze scolastiche dei soggetti scherniti. La ricerca appena pubblicata sul Journal of Educational Phychology, parla di una ripercussione del bullismo in modo cronico su tutta la carriera scolastica.

Dalle scuole elementari alle superiori, questo studio dimostra che le ripercussioni continuano nel tempo cioè si arriva secondo l’indagine, a soffrire di bullismo cronico in particolare alle scuole elementari anche se si associa questa forma di prevaricazione ad un problema che colpisce i ragazzi più grandi.

Sono stati monitorati soggetti del quinto anno e bambini con test  annuali per la valutazione delle competenze, in entrambi i casi il bullismo risultava cronico anche se esiste una variabilità che è individuale ossia un gesto scherzoso che per alcuni  è tale per altri risulta violento, intanto i bambini si  spaventano e non hanno ancora coscienza di voler parlare di un problema che subiscono in modo passivo.

Oggi giorno si è preso consapevolezza di questo problema secondo il professor Land, ma è tutta una strada in salita perché tanto c’è ancora da fare per fare in modo che i bambini non siano vittime di bullismo e che non debbano più soffrire in silenzio per gli attacchi a loro danno.

Questi infatti sono comportamenti aggressivi ripetitivi a danno di tanti piccoli che ne sono vittime e incapaci di difendersi. Da una parte c’è il bullo che attua questo tipo di comportamenti, dall’altro la vittima che tali azioni le subisce.

La sofferenza psicologica, l’esclusione sociale,sono a danno spesso di ragazzi ma il più delle volte anche di bambini che senza averlo scelto devono rivestire questo ruolo di vittima subendo le umiliazioni da parte di chi è bullo.