Diabete, sono 400 milioni le persone malate in tutto il mondo

Il diabete è una malattia molto diffusa al mondo: si contano, infatti, 400 milioni di soggetti affetti da questa patologia.

Sono 400 milioni le persone affette da diabete in tutto il mondo. Si stima, inoltre, che siano ben 190 milioni quelle che ne soffrono ma che, per diversi motivi, non hanno avuto ancora una diagnosi. In Italia, a soffrine sono 4 milioni di italiani, che sono colpiti da diabete di tipo 2.

Una patologia, dunque, molto diffusa che rappresenta la terza causa di morte negli USA, dopo le malattie cardiovascolari e il cancro. Ad affermarlo, il Mortality and Causes of Death Collaborators 2015. Questi dati, sicuramente allarmanti, sono, però, destinati ad incrementare entro il 2040. Si è calcolato, infatti, che entro tale data i pazienti a soffrire di diabete saranno ben 642 milioni, secondo Diabetes Atlas.

Si attiverà un dibattito in merito, proprio in occasione del 2nd AME Diabetes Update 2017 che si svolgerà a Bologna e che richiamerà diversi esperti nazionali che parleranno di questa malattia.

Come ha spiegato il Responsabile Gruppo Diabete e Metabolismo dell’AME, Associazione Medici Endocrinologi, Giorgio Borretta, “L’incontro è focalizzato sulla complicanza cardiovascolare, che rappresenta la principale causa di morte del paziente diabetico, ma anche la causa di rilevanti cronicità, che impegnano pesantemente le strutture assistenziali ed è proprio su questo aspetto che la ricerca sta facendo passi avanti con lo sviluppo di nuovi farmaci”. 

Gli esperti vogliono inviare un messaggio molto chiaro che riguarda l’importanza della prevenzione, in modo da evitare l’insorgenza di nuovi casi e di attuare terapie mirate e adeguate nei pazienti già in possesso di una diagnosi. Se si adotta questa ottica, basata sulla prevenzione, si adottano delle misure per i pazienti che non hanno ancora il diabete ma che sono geneticamente predisposti ed evitare al paziente, e ai suoi cari, spese inutili sul lungo termine, che gravano sul bilancio familiare.