Come evitare la perdita di peso durante la chemioterapia

Se la diagnosi è cancro, molto probabilmente ci si deve sottoporre a un trattamento di
chemioterapia. La suddetta, ha la funzione di uccidere le cellule in rapida crescita e uno
dei suoi effetti collaterali è la perdita di peso. Il consiglio è di farsi prescrivere dal proprio
medico, un farmaco anti nausea e vomito, sintomi che inevitabilmente si verificano durante
i vari cicli di chemioterapia. Un altro suggerimento consiste nel praticare una buona igiene.

La spiegazione è molto semplice. La chemioterapia indebolisce notevolmente il sistema
immunitario, rendendo il paziente molto predisposto a infezioni e stati febbrili. Queste
“condizioni”, di conseguenza, ridurranno il senso di fame e appetito nel paziente.

Ovviamente poi, è importante intervenire e cambiare il proprio modo di mangiare. Evitare
ad esempio di assumere pochi pasti dalle quantità abbondanti che possono provocare un
senso di nausea. Quello che si dovrebbe fare invece, è consumare un pasto almeno ogni tre
ore, senza aspettare di sentire necessariamente il senso di fame.

Evitare poi di bere prima dei pasti è molto suggerito. I liquidi infatti contribuiscono a farci
sentire “pieni”, nonostante non si abbia consumato alcuna caloria.

Da non sottovalutare poi il fatto che la chemioterapia può cambiare il modo di percepire
i sapori, impedendo di avere un “sano appetito”. Può capitare ad esempio di percepire i
cibi troppo dolci o troppo salati. Fortunatamente ci sono molte cose che si possono fare
per regolare questi cambiamenti. Se ad esempio il pasto risulta poco gustoso, lo si può
arricchire accompagnandolo con salse, in modo da esaltare il sapore. Se invece il cibo sa
troppo gustoso, è possibile aggiungere un po di zucchero in modo da contrastare il sale.

Ed infine, se la carne non ha un buon sapore, la si può sostituire assumendo altri tipi di
proteine, come fagioli, yogurt o pesce.