Herpes: cosa fare?

Introduzione

L’herpes si pone in essere quando viviamo stress emotivo, rabbia, tensione, frustrazione o mangiamo in modo disordinato assumendo cibi che producono calore.

L’herpes simplex e l’herpes zoster sono conseguenza di un surriscaldamento interno del corpo. Non a caso l’herpes zoster è anche chiamata Fuoco di S. Antonio e le manifestazioni sono di calore, prurito e dolore su ventre e addome.

Queste manifestazioni si pongono in essere quando viviamo stress emotivo, rabbia, tensione, frustrazione o mangiamo in modo disordinato e soprattutto quando assumiamo cibi che producono calore nell’apparato digerente come, per esempio, zuccheri bianchi, caffè, alcolici, carni (soprattutto rosse), cibi piccanti o dormiamo poco durante la notte, trascurando quel momento del riposo, in cui il nostro corpo deve trovare lo spazio necessario per riposare e la dimensione inconscia per elaborare.

Possiamo verificare se presentiamo manifestazioni di calore, osservando il nostro grado di irritabilità dal punto di vista emotivo: se ci arrabbiamo per eventi di minima importanza, oppure se stiamo avendo un’alimentazione scorretta, possiamo, infatti, soffrire di stitichezza, oppure abbiamo la possibilità di osservare come la nostra pancia sia spesso gonfia, le feci secche e maleodoranti, le urine dorate e anch’esse maleodoranti, come la pelle sia tendenzialmente secca, anche nel viso, e il labbro inferiore sia asciutto e presenti delle spaccature. Inoltre, altre prove ci possono provenire dall’osservazione del riposo: nel caso in cui di notte abbiamo un sonno agitato e ci svegliamo maga ri con desiderio di bere.

LE 3 ZONE D’ORIGINE

Herpes di origine intestinale

  • Liberare al più presto l’intestino con l’utilizzo di un clistere e occuparsi di risolvere il problema della stitichezza bevendo 1 cucchiaio di olio d’oliva e 2 bicchieri di acqua calda al mattino fare attività fisica per sostenere il funzionamento del transito intestinale e per scaricare le tensioni emotive accumulate durante il giorno (corsa e ciò che è dinamico e ci porta a sudare).
  • Consumare quotidianamente frutta e verdura fresca prima dei pasti.
  • Applicare durante la notte una salviettina bagnata con acqua fredda e ben strizzata sull’addome, coprire con un lato della salvietta asciutto e infilarsi il pigiama. Mantenere l’applicazione per tutta la durata del riposo notturno; oltre a diminuire il calore nell’addome aiuta a riposare profondamente.

Herpes di origine emotiva

  • Bagni freddi ai genitali al mattino appena svegli per circa 5 minuti allo scopo di far salire il calore verso l’alto in caso di herpes ai  genitali.
  • Impacchi di argilla verde ventilata sul torace, nello specifico sull’area del cuore per circa 40 minuti al giorno.
  • E’ consigliabile seguire corsi che possono insegnare a relazionarsi in modo più equilibrato con gli eventi: reiki, armonizzazione psicosomantica, naturopatia, saps.
  • Ricevere massaggi, trattamenti di riflessologia podalica olistica da operatori esperti ed, eventualmente, utilizzare dei Fiori di Bach.

Herpes di origine alimentare

  • Alimenti consigliati: aglio, alghe, arancia, carote, cavolo, germe di grano, limone, mela, timo, uva, polline, lievito
  • Sostituire il caffè e gli alcolici con altre bevande dall’effetto non eccitante, s premute, tisane, caffè d’orzo aumentare il consumo di frutta, verdura e cereali integrali
  • Sospendere il consumo di carni rosse, insaccati, frutta secca; sostituirli con legumi
  • Sospendere il consumo di zuccheri bianchi e sostituirli, se proprio necessari, con miele o malto
  • Evitare i cibi piccanti
  • Bere acqua durante il giorno

Rimedi Naturali per intervenire nella zona interessata

Indicazioni utili e rimedi pratici per ripristinare l’equilibrio psicofisico

  • Applicazioni di impacchi di argilla localizzati su labbra, narici o genitali nel caso di herpes simplex e sul torace e addome in caso di herpes zoster. Come: mettere in una ciotola di ceramica o legno argilla verde ventilata, aggiungere poca acqua e attendere circa 15 minuti che venga assorbita. Se la consistenza dell’impiastro non è ancora morbida e uniforme, consiglio di aggiungere ancora acqua fino al raggiungimento di un impasto omogeneo.
  • Attraverso l’aromaterapia è possibile applicare gli oli essenziali di Ginepro, Isoppo, Lavanda o Santoreggia uniti ad un olio direttamente sulla zona interessata e massaggiare.