La dieta biologica ovvero l’omotossicologia

In una società sempre più industrializzata, ogni giorno si mangiano e si viene contatto prodotti poco naturali ma più spesso confezionati, che inevitabilmente sono un rischio per la nostra salute.

Ormai l’obesità e il sovrappeso, sono problemi sempre più diffusi, a causa di stili di vita davvero scorretti e diete grasse. Anche l’attività fisica è essenziale per mantenerci in salute, quindi poco esercizio fisico aiuta le adiposità a svilupparsi meglio.

Per stare bene e non ingrassare, non è necessario privarsi dei cibi o smettere di mangiare improvvisamente. Questo causa solo una perdita di peso drastica che non è affatto amica della nostra salute.

Per tenere sotto controllo il nostro peso, è necessario basare la dieta secondo le nostre caratteristiche personali, considerando anche i fattori psicologici. Insomma è doveroso basare una dieta in modo che questa non causi effetti collaterali al nostro organismo.

La dieta biologica è a questo proposito la cura migliore, qui i pasti si dividono durante la giornata; nella colazione si alternano cibi freschi, come la frutta, a biscotti, thè o caffè e uno yogurt.

Il pranzo, è basato su porzioni limitate di pasta o riso, una dose leggera di formaggio e molta verdura.

Lo spuntino pomeridiano, consiste solo nel consumo di frutta e la cena possibilmente a base di pesce e verdura.
Attenti ai condimenti, questi per essere sani, prevedono l’uso dell’olio extra vergine e assolutamente consigliato bere almeno 1,5 di acqua al giorno.

La novità sulla dieta biologica, riguarda il drenaggio delle tossine, ossia le scorie che col tempo intasano il nostro corpo e portano ad un accumulo di peso. Il drenaggio, consiste nella attivazione di tessuti, in grado di buttare fuori gli elementi tossici dal nostro corpo.

Si tratta quindi, di una vera e propria cura disintossicante che usa dei farmaci appositi che espellano le sostanze nocive. Un ottimo vantaggio della dieta omotossicologica, è anche la possibilità di fare uso di sostanze che sostengono meglio le diete ipocaloriche, facendo in modo cosi di poter personalizzare la dieta.

Ci sono farmaci, usati in questa cura che aiutano a ridurre il senso di fame e regolarizzano l’azione ghiandolare. Altri sono in grado di armonizzare l’umore delle donne troppo agitate, per non parlare di quelli che aiutano ad eliminare la tanto fastidiosa ritenzione idrica, che causa quel senso di gonfiore nella zona addominale e nelle gambe.

Per dimagrire in modo stabile e duraturo, è necessario dare un equilibrio ai problemi di base, per questo è necessaria una terapia personalizzata, che tiene conto delle caratteristiche fisiche, caratteriali, dei gusti in fatto di cibo e di eventuali problemi di salute.

I più noti rimedi omotossicologici, rispecchiano i tipi fisici, secondo anche la localizzazione del peso, questi sono: Il tipo fluorico, che ha ritenzione idrica con accumuli adiposi nelle cosce, il tipo fosforico, che è caratterizzato dai chili in eccesso nella zona delle gambe e delle cosce, il tipo sulfurico, che rappresenta quel genere di donne alte e muscolose che risultano pesanti, con una massa corporea sopra la media e il tipo carbonico, che ha adiposità e chiletti diffusi un po’ in tutto il corpo.

La dieta omotossicologica, cerca quindi di mirare alla personalizzazione delle cure partendo da questi stereotipi. I farmaci che fanno parte di questa cura, non danno solitamente effetti collaterali.

Insomma chi ha problemi di peso può dormire sonni tranquilli, con la dieta biologica si può tornare al peso norma senza dover fare grosse rinunce e mantenendo il nostro organismo in salute, senza pericoli di conseguenti malattie.
L’importante è rivolgersi a specialisti della omotossicologica che con un’azione mirata aiuta a ritrovare l’equilibrio del nostro corpo.

1 commento

Comments are closed.