La povertà accorcia la vita di 2 anni come il fumo, l’alcol e la sedentarietà

La povertà è considerata una condizione di svantaggio per ogni essere umano, ma secondo quanto riferito dagli esperti, sembra che può accorciare la vita delle persone, agendo come altri fattori di rischio quali fumo, alcol e sedentarietà. E’ questo quanto rivelato da un gruppo di ricercatori di un progetto chiamato Lifepath, che risulta essere stato finanziato dalla Commissione Europea e dedicato all’individuazione di fattori biologici che si troverebbero alla base di alcune differenze sociali. “Lo status socioeconomico è importante perché include l’esposizione a diverse circostanze e comportamenti potenzialmente dannosi, che non si limitano ai classici fattori di rischio come fumo o obesità, sui quali si concentrano le politiche sanitarie”, ha dichiarato Paolo Vineis, ovvero il professore all’Imperial College London e coordinatore di Lifepath.

I ricercatori in questione, sembra abbiano effettuato un esperimento sul campo, analizzando i dati riferiti a 1,7 milioni di persone provenienti da ben sette paesi considerati ricchi tra i quali la Francia, la Gran Bretagna, Svizzera, Italia, Australia, Stati Uniti e Portogallo; i soggetti in questione pare siano stati seguiti per ben 13 anni nel corso dei quali i ricercatori in questione pare abbiano confrontato le condizioni socioeconomiche con le aspettative di vita. I risultati sono stati particolar interessanti visto che l’aspettativa di vita delle persone che nel corso dei 13 anni avevano vissuto in scarse condizioni socioeconomiche si è abbassata di 1,5 anni per le donne e 2,6 per gli uomini.

Dallo studio, inoltre, è anche emerso che la povertà ruba ben 2,1 anni ai soggetti di età compresa tra i 40 e gli 85 anni. “Dato che si tratta di circostanze modificabili, dovrebbero essere incluse nella lista dei fattori di rischio presi di mira nelle strategie sanitarie globali” afferma Silvia Stringhini dell’Ospedale universitario di Losanna.Si tratta di uno studio molto importante perché pone le basi per comprendere in che modo una scarsa condizione socioeconomica possa compromettere la salute dell’uomo.

1 commento

Comments are closed.