Olio di palma non così dannoso per la nostra salute, è come il burro

Si torna a parlare dell’olio di palma, dopo la polemica sollevata nei mesi scorsi da tanti esperti e nutrizionisti secondo i quali questo ingrediente è considerato particolarmente nocivo per la nostra salute. Nei giorni scorsi sembra essere stata diffusa la notizia secondo la quale l’olio di palma non farebbe così male come hanno voluto farci credere, è questo quanto emerso da un report pubblicato il 31 gennaio su International Journal of Food Sciences and Nutrition e sottoscritto da 24 esperti italiani, 16 dei quali in rappresentanza di società scientifiche nazionali. “L’olio di palma è ricco di acidi grassi saturi al pari del burro, e non fa male se consumato a dosi moderate. Inoltre non esistono evidenze che lo colleghino al rischio di cancro”, è questo sostanzialmente quanto si legge nel report pubblicato lo scorso 31 gennaio.

Dunque, secondo quanto riferito sembra che l’olio di palma non faccia male ed è come il burro, dunque un consumo moderato di questo alimento non comporta nessun rischio, almeno secondo quanto riferito dai 24 esperti italiani.Nello specifico, il direttore del reparto alimentare, nutrizione e salute del Dipartimento di sanità pubblica veterinaria e sicurezza alimentare dell’istituto superiore di sanità, Marco Silano ha dichiarato che non ci sono ragioni per cui l’uso dell’olio di palma debba essere proibito.

Gli effetti dell‘olio di palma sulla nostra salute, dunque, secondo quanto riferito dagli esperti, sarebbe da considerarsi come quelli di altri oli o grassi ricchi di acidi grassi saturi, come ad esempio l’olio ci cocco o il burro e di conseguenza considerare un prodotto senza l’olio di palma migliore rispetto ad un altro con olio di palma non risulta essere corretto. “Non ci sono evidenze dirette che l’olio di palma, come fonte di acidi grassi saturi, abbia un effetto diverso sul rischio cardiovascolare rispetto agli altri grassi, quali il burro”, si legge ancora nel report.